Rocche dei Manzoni

Rocche dei Manzoni

Ettari vitati: 50

Prod. annua: 250.000 bottiglie

Enologo: Giuseppe Albertino

Fondazione: 1974

Rocche dei Manzoni: pionieri del Barolo - Monforte d'Alba (CN) www.barolobig.com

È il 1974 quando Valentino Migliorini fonda a Monforte d’ Alba, la cantina Rocche dei Manzoni, un autentico punto di riferimento per la produzione vitivinicola langhiana. Migliorini è un produttore all’avanguardia e, grazie alle sue capacità imprenditoriali e lungimiranza nelle tecniche di affinamento in cantina, proprio negli anni’ 70 pone le basi per il successo dell’azienda. Nel 1976 infatti, in antitesi ai rigidi schemi produttivi di questo territorio, si cimenta per primo nella sperimentazione di un blend di uve barbera e nebbiolo, il Bricco Manzoni che diventerà un grande successo sia in termini commerciali che qualitativi. 
Due anni dopo decide di cimentarsi nella spumantizzazione Metodo Classico con uve Chardonnay e Pinot Nero, una scelta coraggiosa in quegli anni che si è poi rivelata vincente e seguita oggi anche da molti altri produttori. Altra scelta audace di Rocche dei Manzoni fu l’introduzione delle barriques francesi di primo passaggio per l’affinamento dei vini rossi. Una botte con capacità di 225 litri che dona, soprattutto ai rossi, grande morbidezza e rotondità, e che, utilizzata con oculatezza per le grandi espressioni di Nebbiolo, regala a questi vini grande intensità e armonia. Nel 1982 la barriques fu utilizzata per tutte le vinificazioni e nel 1999 fu messo sul mercato il primo Barolo riserva 10 anni.
Oggi il Podere Rocche dei Manzoni conta più di 50 ettari tutti ubicati nel comune di Monforte d’Alba, una scelta che testimonia l’attaccamento e l’amore per questo territorio da parte della famiglia Migliorini. Le espressioni delle sottozone di Barolo prodotte oggi, sono tra le più apprezzate del mercato (come ad esempio “Vigna d’La Roul” o “Big ‘d Big”) e i suoi spumanti, oggi di gran moda nelle Langhe, sono apprezzati e pluripremiati: “Valentino Riserva Elena” o “Valentino Zero” sono ormai dei classici delle “bollicine piemontesi”. La filosofia dell’azienda non è cambiata, la qualità nasce in vigna da sempre coltivata con metodi biologici e naturali, mentre in cantina le scelte sono guidate solo dalla passione e dalla ricerca dell’eccellenza. Produttori come Rocche dei Manzoni sono i veri interpreti dei vini rossi piemontesi, capaci di unire tradizione e valorizzazione del territorio a dinamismo imprenditoriale. Il risultato è uno stile unico che come i suoi vini rossi, migliora di anno in anno.

Acquista dalla cantina

Ettari vitati: 50

Prod. annua: 250.000 bottiglie

Enologo: Giuseppe Albertino

Fondazione: 1974