Di Majo Norante

Di Majo Norante

Ettari vitati: 85

Prod. annua: 800.000 bottiglie

Enologo: Riccardo Cotarella

Fondazione: 1968

Di Majo Norante: anima vinicola del Molise - Campomarino (CB) - www.dimajonorante.com


Di Majo Norante è la cantina più rappresentativa della piccola regione del Molise. Siamo a Campomarino in provincia di Campobasso e da più di due secoli in queste terre la vite è parte integrante della cultura contadina. I 110 ettari vitati spaziano dalle dolci colline dell’Appennino fino a lambire le coste marine. Nonostante la vastità del territorio, la cura delle piante è maniacale e segue precisi schemi legati alla coltivazione biologica (ad esempio con l’utilizzo di soli concimi naturali o selezione manuale delle uve durante la vendemmia). Oggi alla guida di questa storica azienda c’è Alessio Di Majo Norante che con più di 800.000 bottiglie prodotte all’anno, è diventato una vera e propria istituzione della Regione. La filosofia della famiglia è quella di recuperare e valorizzare i vitigni autoctoni ormai dimenticati, e di guardare al mercato con spirito propositivo e orientato sempre alla qualità. Le varietà più rappresentative della cantina sono il Greco, l'Aglianico, la Falanghina e il Bombino; non mancano poi delle vere e proprie chicche regionali come il Tintilia e il Prugnolo per i rossi o il moscato reale per il Passito dolce. Etichette come Don Luigi di Majo Norante o Ramitello sono diventate dei grandi classici, apprezzati e premiati anche all’estero. La firma in cantina dell’enologo Riccardo Cotarella è evidente. La ricerca della perfezione e una meticolosa lavorazione dei grappoli per esaltare le caratteristiche del frutto è un marchio di fabbrica e i risultati in bottiglia sono di assoluta eccellenza. Di Majo Norante è un esempio virtuoso di come fare vino con uno stile preciso e una mentalità imprenditoriale coraggiosa che guarda al futuro senza dimenticare la propria tradizione.

Acquista dalla cantina

Ettari vitati: 85

Prod. annua: 800.000 bottiglie

Enologo: Riccardo Cotarella

Fondazione: 1968