Champagne

Ti è venuta una voglia irrefrenabile di Champagne? Cerchi una bottiglia prestigiosa per celebrare un’occasione importante? In questa pagina trovi in vendita online un’ampia scelta di Champagne per regalare un’emozione speciale a te stesso o ai tuoi cari. Concediti il piacere di gustare un calice di magia pura: sfoglia il catalogo di Bibentes.

Nessun prodotto corrispondete alla selezione è stato trovato.
Champagne

La selezione di Champagne Bibentes

Le nostre selezioni di Champagne comprendono i migliori e più blasonati Champagne del panorama enologico, che potrai aggiudicarti a prezzi assolutamente competitivi. Che si tratti di un anniversario, di un compleanno o di qualsiasi altra importante celebrazione, nella nostra sezione dedicata allo Champagne troverai bottiglie in offerta con cui fare un’ottima figura e donare un’esperienza sensoriale unica ai tuoi festeggiati, ospiti o commensali.

Tipi di Champagne

Fra gli Champagne pregiati proposti da Bibentes, spiccano quelli di realtà vinicole dal primato mondiale, come Moët & Chandon e Pommery, la prima fondata nel 1743 e creatrice dell’iconica etichetta Dom Pérignon, la seconda fra le aziende vinicole più importanti e prestigiose d’Europa, artefice dei Millesimati d’Oro più amati dai veri intenditori. 

Lo Champagne viene prodotto in una zona molto ristretta del Grande Est a circa 150 km da Parigi : nei dipartimenti di La Marne (che include quasi il 70% della produzione nazionale), L’Aube, L’Aisne, La Haute-Marne e La Seine-et-Marne, una fortunata regione caratterizzata da tanti piccoli “micro-terroir” differenti l’uno dall’altro per aspetti pedoclimatici e, di conseguenza, profilo gusto-olfattivo dei vini prodotti.

I vigneti si dividono invece in cinque macrozone: Montagne de Reims, Côte des Blancs, Vallée de la Marne, Côte de Sézanne e Aube. Nelle prime tre, situate nei pressi della città di Reims, si trovano i 17 comuni che godono della prestigiosa denominazione "Grand Cru". La zona delle Montagne de Reims è caratterizzata per la coltivazione di Pinot Nero, Pinot Meunier e una piccola percentuale di uve Chardonnay; nella Côte des Blancs si trovano prevalentemente uve Chardonnay mentre nella Vallée de la Marne domina il Pinot Meunier. Più a Sud nella Côte de Sézanne le viti sono principalmente Chardonnay e per finire nell’Aube è il Pinot Nero il vitigno più coltivato.

Vi sono diverse categorie di Champagne: 

  • Monocru, assemblato con uve provenienti da un singolo villaggio;
  • Blanc de Noirs, prodotto esclusivamente con uve a bacca nera;
  • Blanc de Blancs, prodotto con sole uve a bacca bianca;
  • Rosé d’assemblage, prodotto con una percentuale di vino rosso;
  • Millésime, prodotto con vini della stessa annata, opposto a Sans Année (prodotto a partire da vini di diverse annate).

A seconda del grado zuccherino, invece, gli Champagne si distinguono in:

  • Doux: più di 50g per litro;
  • Demi-sec: tra 32 e 50g/l
  • Sec: tra 17 e 32g/l;
  • Extra dry: tra 12 e 17g/l;
  • Brut: meno di 12g/l
  • Extra brut: tra 0 e 6g/l;
  • Pas dosé: meno di 3g/l, non ottenuto da liqueur d’expedition.

Storia dello Champagne

Tradizionalmente, lo sviluppo della spumantizzazione Champenoise (con rifermentazione in bottiglia) viene riconosciuta all’abate francese Pierre Pérignon, che pare abbia concepito a fine Seicento questo metodo poi adottato per la produzione dello Champagne. Non esistono fonti storiche precise in grado di attestare senza ombra di dubbio la messa a punto di questa procedura in Francia: si tratta piuttosto di racconti dai contorni leggendari, secondo cui il monaco l’avrebbe scoperta “per errore” nel monastero di Hautvillers nel corso della produzione del vino bianco, durante il quale alcune bottiglie sarebbero scoppiate facendogli dedurre la presenza di gas disciolti nel vino stesso. 

Secondo altre fonti, l’ecclesiastico avrebbe aggiunto coscientemente al vino degli zuccheri per renderlo effervescente, avviando così la tradizione della spumantizzazione. Altri ancora affermano che questi avesse appreso tale tecnica in Italia e che poi l’abbia affinata fino a farle raggiungere la perfezione in patria francese. Qualunque sia la verità, a Pérignon dobbiamo riconoscere un ruolo decisivo nella nascita degli spumanti Champenoise.

Nel 1927, per tutelare l’origine dello Champagne, è stata istituita l’omonima Appellation d'Origine Contrôlée (AOC), che designa come tali esclusivamente gli spumanti prodotti con rifermentazione in bottiglia in una zona ben delimitata della regione Champagne (sì, lo Champagne è solo francese!), a partire da uve Chardonnay, Pinot Noir, Pinot Meunier, Pinot Blanc, Pinot Gris, Arbane e Petit Meslier, secondo un disciplinare di produzione molto restrittivo.

Alla procedura di spumantizzazione propria dello Champagne, se applicata in altri territori del mondo, ad esempio in Italia, nella Franciacorta, ci si riferisce comunemente con l’espressione “Metodo Classico” (Crémant se si tratta di spumanti francesi prodotti al di fuori della AOC Champagne).

Nella sezione dedicata del nostro sito, troverai tantissime etichette di Champagne e occasioni da non perdere: sfoglia il catalogo per scegliere la tua preferita.